• Yoga della Risata da soli

    Mentre il movimento della risata otteneva popolarità in tutto il mondo, molte persone trovavano difficile raggiungere i Club a causa di alcune limitazioni. Poiché sono convinto che sia necessario ridere regolarmente per stare bene, ho sviluppato le tecniche dello Yoga della Risata per ridere da soli. Mentre conducevo seminari e programmi di formazione in occidente, cominciai a insegnare ai gruppi come ridere da soli. Funzionava bene e questa cosa acquistò popolarità. Poiché i Club della Risata si incontrano una volta alla settimana o una volta ogni quindici giorni nei paesi occidentali, incoraggiai i miei studenti a ridere da soli ogni giorno a casa propria. Molti leader e teacher tentavano di ridere nella stanza da bagno o di fronte allo specchio. Il risultato era positivo. La gente amava questa nuova tecnica per ridere da soli, che li aiutava a rilasciare i propri sentimenti e a mantenersi in salute.

    Non c’è un solo modo di ridere. Negli anni, ho sviluppato la mia “comfort zone” con diversi suoni e gesti e diverse posizioni che facilitano il ridere da soli. Questi esercizi vanno bene per me. Ma, poiché ognuno è differente, è importante che creiate i vostri esercizi e sviluppiate nuove idee per scoprire che cosa va meglio per voi.

    Formula 40 giorni: Questo intero concetto del ridere da soli si basa sulla tecnica della ripetizione e del condizionamento. Se ripetete una qualunque attività con volontà e pieno impegno per 40 giorni, diventerà un’abitudine. Il cervello sviluppa nuove connessioni neuronali per produrre i neuro peptidi della felicità, un vero e proprio addestramento alla ripetizione di questa azione fisica. Nel linguaggio della PNL, questa reazione del corpo si chiama “ANCORA”. Eseguendo una azione gioiosa come àncora, la mente può sperimentare l’emozione della gioia completa, con tutte le reazioni chimiche che vengono innescate. In altre parole, il nostro corpo e la nostra mente possono essere addestrati a ridere a volontà. E’ come imparare ad andare in bicicletta. Una volta imparato, non si dimentica più. Idealmente, si dovrebbe ridere da soli al mattino, per entrare in uno stato positivo e nei buoni sentimenti, da subito, per tutto il giorno. Se non vi sentite di ridere la mattina presto, cominciate con qualche esercizio di riscaldamento e di respirazione. Ciò vi aiuterà a caricare il corpo e presto faciliterà la risata. Potete farlo in qualunque altro momento del giorno per aumentare i livelli di energia. Ridere da soli è una tecnica rivoluzionaria che aiuta a sviluppare un condizionamento positivo alla gioia e all’esperienza corporea della risata così come degli esercizi di respirazione, per un certo tempo, quando è impossibile recarsi in un Club della Risata.

    Cinque esercizi per ridere da soli

    1. Fingi finché diventa vero (Fake It Until You Make It)

    E’ questo lo slogan di tutti i Club della Risata. Si basa sul fatto scientifico per cui, anche quando si simula una particolare emozione, il corpo non distingue tra una sensazione reale e una sensazione imitata intenzionalmente.

    Cercate di simulare la risata emettendo il suono della risata stessa: ha ha ha he he he he ho ho ho.... e giocate con questi esercizi. E’ una specie di piccola follia. Scoprirete che comincerete a ridere davvero ascoltando i suoni assurdi della vostra risata auto-indotta, Variate i suoni e lo troverete divertente. Fate pratica, perseverate.

    All’inizio, la risata finta può sembrare assurda, ma, con la pratica, il corpo si condiziona e,nel momento in cui cominciate a simulare la risata, rapidamente entrerete in una modalità più autentica.

    Tecnica per rinforzare la voce

    Suono della Risata

    Da bambini, gridiamo per esprimerci pienamente, ma, da adulti, abbiamo imparato a controllare il volume e il tono di voce. Come effetto di ciò, non siamo più capaci di esprimere appieno i nostri sentimenti.

    La libertà e l’espressione della voce influenzano la libertà delle emozioni a livello mentale e viceversa. Questa è la ragione per cui tutti abbiamo un diverso suono della risata, che cambia secondo il nostro stato mentale e la nostra personalità. Il modo con cui ridiamo è una firma del nostro carattere. Poiché esiste un legame a due vie tra corpo e mente, aprendo la voce e il suono della risata, potete apportare un cambiamento nella vostra espressione emotiva.

    Tenete in mente i seguenti punti mentre fate gli esercizi dello Yoga della Risata:

    Lo scopo degli esercizi di risata e di respirazione è prolungare la fase di espirazione per pulire completamente i polmoni. Ciò aiuta a inspirare profondamente e a far scorrere più ossigeno nel corpo. Mentre praticate gli esercizi, cercate di continuare a ridere fino a espirare completamente. Così si rimuove l’aria residua dai polmoni.

    Mentre ridete da soli, tenete il mento in alto, perché è più facile ridere se guardate in su. In questo modo si raddrizza il tratto respiratorio e si facilita il flusso di aria. Aprire le braccia e guardare verso l’alto crea un linguaggio del corpo felice. Così si rilasciano, nel cervello, le sostanze chimiche tipiche della felicità.

    Rinforzando la voce si facilita la risata

    Potete provare questa tecnica in due modi:

    a) Prendete un respiro prolungato e cominciate a dire haaaa haaaa haaaa haaaaa haaa da cinque a sette volte di seguito. Poi cercate di ridere e di sostenere la risata finché siete a corto di fiato. Ricordate che il suono haaaaa haaaaa e la risata dovrebbero continuare nell’ambito della stessa respirazione, in modo da svuotare completamente i polmoni. All’inizio, può sembrare un po’ arduo, ma presto riuscirete a provocare autentici scoppi di risa.

    b) Usate il suono delle vocali Aeeeeeeeeeeeeeeee e prolungatelo mentre sollevate le braccia sopra la testa. Tenete il mento in alto e ridete ha ha ha ha Ripetete con Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa......e poi con Ooooooooooooooooo............ Fatelo per cinque-sei volte e prendete qualche respiro profondo in mezzo.

    Le tecniche di rinforzo della voce si eseguono al meglio quando si sta in piedi ma potete anche farle da sdraiati. Alcuni trovano più facile ridere in questa posizione, portando le ginocchia al petto, posizione che facilita l’emissione di aria. Il ridere infantile è anch’esso un modo efficace per fare gli esercizi di Yoga della Risata da soli.

    2. Trattenere il respiro

    Prendete un respiro prolungato, sollevate le braccia sopra la testa e trattenete il respiro mentre stirate la colonna vertebrale all’indietro. Quando cercate di tenere il respiro un po’ più a lungo, poi scoppiate a ridere. Ciò crea una pressione nei polmoni e facilita la risata, gradualmente il cervello sviluppa nuove connessioni, che combinano respirazione, stretching e il trattenere il respiro con la risata. Diventa un riflesso condizionato. Si può fare facilmente da soli a casa, perché è stato programmato nel vostro corpo.

    Una nuova variante

    Un’altra variante di questa tecnica consiste nel tenere gli occhi chiusi e prendere un respiro prolungato. Cercate di tenerlo il più a lungo possibile, trattenendo anche la voglia di ridere. Anticipando la risata, poi questa uscirà più facilmente. All’inizio, fatelo deliberatamente o fingete di ridere, presto sperimenterete la sensazione della risata autentica e la risata stessa uscirà più spontanea..

    3. Risata da un metro

    E’ preferibile eseguirla stando in piedi, ma si può anche fare da seduti. Tenete i piedi leggermente distanziati e portate tutte e due le mani a sinistra. Poi stendete un braccio sopra l’altro e portatelo in tre fasi verso la spalla opposta come se misuraste un metro di stoffa. Ci sono tre fasi per farlo: la prima, quando toccate il gomito, la seconda, quando raggiungete la spalla opposta, e la terza, quando aprite entrambe le braccia, spingendo in alto il mento, aprendo la bocca e ridendo in modo sostenuto.

    Questa tecnica aiuta il movimento diaframmatico e consente alla risata addominale di fluire liberamente. Ha un effetto catartico, per cui potete rilasciare tutte le emozioni che avete trattenuto e sperimentare un sentimento di gioia e di libertà.

    4. Risata Aloooha

    Derivata dal saluto tradizionale hawaiano, è molto stimolante e fornisce una migliore circolazione, perché il movimento del corpo facilita un maggiore apporto di sangue al cervello. Se praticato da soli, vi dà libertà, gioia, benessere. Idealmente è da praticare al mattino, appena svegli, mentre siete ancora a letto. Mettetevi in ginocchio, con un cuscino davanti a voi. Sollevate le braccia, alzate il mento e cominciate a dire, in crescendo, Aloooooo… Alla fine, terminate dicendo forte Haaa e ridete di cuore. Mentre fate ciò, buttate la testa sul cuscino, continuando a ridere.

    Mentre affondate fra i cuscini, potete anche coprirvi il capo con le braccia e continuare a ridere. Ciò aiuta il flusso d’aria e molti lo trovano stimolante. C’è addirittura qualcuno che entra in una risata isterica, così lunga, da sperimentare una sensazione di totale rilassamento.

    L’esercizio può anche essere eseguito stando in piedi. Sollevate le braccia, alzate il mento e dite Aloooo in crescendo. Terminate con Haaaa, mentre ridete.

    L’esercizio non è consigliato a chi soffre di vertigini. Ricordate inoltre di usare cuscini ben imbottiti, in modo da non farvi male quando vi piegate verso il basso con la testa.

    5. Risata con le ginocchia al petto

    Questo esercizio facilita il sollevamento del diaframma, attraverso una pressione dei muscoli addominali. Aiuta anche ad aumentare il flusso di sangue al cervello, migliorando la circolazione. Comprende anche un semplice movimento che consiste nel tirare le ginocchia verso il petto e rilasciarle quando espirate e inspirate.

    Sdraiatevi sul dorso, abbracciate le ginocchia e lentamente portatele al petto. Contemporaneamente, spingete il mento in alto e tenete la bocca leggermente aperta, mentre espirate. Ciò aiuta a raddrizzare il tratto respiratorio e migliora il passaggio dell’aria.

    Nello step successivo, rilasciate le ginocchia e inspirate profondamente.

    Come usare questa tecnica nello Yoga della Risata da soli

    Mentre portate vicino le ginocchia e spingete il mento in alto, usate la tecnica del rinforzo della voce. Pronunciate haaaaaaa in crescendo e poi cominciate a ridere. Prendete qualche respiro profondo tra due scoppi di risa. Mentre ridete, potete tenere gli occhi aperti o chiusi, come vi risulta più comodo.

    Bookmark and Share
    • Hits: 0