Laughter yoga international
LAUGHTER YOGA INTERNATIONAL
Movimento globale per la salute,
la gioia e la pace nel mondo
« Back

L'IDEA E LA FILOSOFIA

Non abbiamo bisogno di senso dell'umorismo per poter ridere

Quale è la relazione tra senso dell'umorismo e risata? Si può ridere senza motivo? La maggior parte della gente crede che si debba essere dotati di senso del comico per poter ridere, ma lo Yoga della Risata ha dimostrato il contrario. L'umorismo non è innato, è la capacità di percepire, mettere in relazione e sperimentare una situazione e valutare se tale situazione è comica oppure no.  Questa capacità di giudizio si acquisisce nella media e tarda fanciullezza. Il senso del comico è un fenomeno mentale, una capacità dell'intelletto.

La risata che nasce dalla comicità è condizionata. Dipende dalla capacità cognitiva dell'individuo, dal suo stato mentale e dal suo grado di felicità e soddisfazione della propria vita.  Ma la risata si può anche ottenere incondizionatamente. I bambini ridono senza aver sviluppato completamente le proprie capacità cognitive, che li porterebbero a comprendere la comicità. Per lo più, le risate infantili sono il risultato della giocosità e dello stato di gioia a esso collegato. Per sviluppare la capacità di riscoprire questa capacità di ridere con gioia, gli adulti devono rimuovere strati di inibizione, di programmi e blocchi mentali creati da se stessi, dalla famiglia, dalla società. Sotto queste barriere giace una capacità illimitata di ridere senza motivo.

Insegnare a una persona inibita a sviluppare il senso dell'umorismo è come liberare un tombino dai detriti. Una volta rimossi questi, l'acqua comincia a sgorgare liberamente. In modo analogo, l'inibizione mentale e la timidezza sono i detriti nei confronti del senso dell'umorismo. Lo Yoga della Risata facilita questo processo di pulizia. A mano a mano che anni di programmazione si ripuliscono, la risata gioiosa, che è dentro di noi, si libera e comincia a scorrere.

Le tecniche dello Yoga della Risata sono efficaci anche per chi ha perduto la propria capacità di ridere o per chi è totalmente sprovvisto di comicità. Spesso la gente dice: “Sono depresso”, “Non riesco a ridere” oppure “Non me la sento di ridere”. Noi diciamo a queste persone: “Non importa. Basta che tu porti il tuo corpo volontariamente in una sessione o in un club e noi ti metteremo nelle condizioni di ridere”.

Una volta liberata, la risata naturale è difficile da arrestare. Anche in un paese come l'India, dove non abbiamo una grande tradizione di comicità, centinaia di migliaia di persone ridono ogni giorno nei parchi pubblici. Gente che  aveva perso l'abitudine di sorridere ora ride per le più piccole cose, incominciando perfino a raccontare barzellette e a comportarsi in modo buffo, cosa mai fatta prima. La giocosità aiuta a sviluppare il senso dell'umorismo e porta più risate nella vita.

La risata e la comicità sono in una relazione di causa-effetto. Vanno all'unisono e sono inscindibili. A volte la causa è la comicità, che è più mentale e cognitiva, mentre l'effetto è la risata, che è un fenomeno fisico. Nei Club della Risata, la risata è la causa e la comicità è l'effetto. Ho capito che la maggior parte delle persone non si identifica con il senso dell'umorismo. Trova più facile ridere fisicamente in un gruppo. E' per questo che i Club della Risata hanno riscosso tanta popolarità. Quindi, anche se non hai senso dell'umorismo, non ti preoccupare. Unisciti a un Club della Risata e svilupperai facilmente questa dote.

L'azione crea l'emozione

“Come si fa a ridere quando non si è dell'umore giusto o quando non ci sono ragioni per farlo?” La risposta è nella teoria per cui l'azione crea l'emozione.

C'è un legame stretto tra corpo e mente. Qualunque cosa avvenga a livello mentale si riflette anche nel corpo. Se osservi attentamente le persone tristi, vedrai che anche il loro corpo è depresso. Camminano lentamente, parlano piano e i movimenti sono pigri e svogliati.

Vale anche l'opposto: qualunque cosa avvenga nel corpo si riflette anche nella mente. Ricordo che mio padre mi diceva: “Se ti senti triste, non startene seduto a oziare. Fai qualche lavoro fisico o esci a camminare o a correre, ti sentirai meglio”. E aveva ragione. Mi sono sempre sentito meglio mantenendo attivo il mio corpo. Questo fatto è noto come la teoria per cui l'azione crea l'emozione.

Esiste un legame a due vie tra corpo e mente. Se si cambia la qualità dei pensieri, si avverte il cambiamento anche nel comportamento del corpo. Viceversa, se si porta un cambiamento nel corpo, si sperimenta il corrispondente cambiamento a livello mentale.  Lo Yoga della Risata ha la capacità di sincronizzare corpo e mente mantenendoli in armonia.

Si può ridere anche quando non si è felici

Lo Yoga della Risata fa una netta distinzione tra felicità e gioia. La felicità è una risposta condizionata. Dipende da quanto siano soddisfatti certi desideri della mente ed è collegato agli accadimenti nel passato e nel futuro, difficilmente ha a che fare con il presente. Ricordi per quanto tempo hai mantenuto la tua felicità dopo aver ottenuto un diploma, una macchina nuova, un nuovo impiego o quella casa che sognavi da tempo e per la quale hai lavorato così duramente? La cosa triste è che, anche quando queste condizioni vengono soddisfatte, la felicità dura un attimo, perché i desideri vengono rapidamente rimpiazzati da altri nuovi, più ambiziosi. Gli obiettivi continuano a spostarsi sempre più in alto.

Al contrario, la giocosità è l'impegno incondizionato a essere felici nel presente e a divertirsi nonostante gli accadimenti esterni. La giocosità è stimolata facilmente da attività giocose come ridere, ballare, cantare e giocare. E' un fenomeno puramente fisico, mentre la felicità è un concetto mentale.

Quando sei gioioso, sperimenti una serie di cambiamenti fisiologici e biochimici. Il sorgere di buoni sentimenti e un senso di benessere cambiano il tuo approccio alla vita. Lo Yoga della Risata ti insegna a essere gioioso e a vivere la felicità nel migliore dei modi.

Coltiva la giocosità tipica dell'infanzia

La Risata riguarda soprattutto il coltivare la giocosità tipica dell'infanzia. Una volta che impari a giocare, non devi sforzarti a ridere. La risata è il risultato naturale del tuo bambino interiore giocoso.  Se vuoi sbarazzarti della dipendenza dalle barzellette e vuoi continuare a ridere senza motivo, semplicemente diventa simile a un bambino. Nella fase iniziale dello sviluppo dei Club della Risata, quando scoprimmo che le barzellette non potevano farci ridere quanto desideravamo, ci sforzammo di ridere in gruppo, ma questo sforzo a molti parve innaturale, meccanico, perfino noioso.

Anche se il solo fatto di ridere in gruppo fornisce uno stimolo, un comportamento infantile da parte di un adulto aiuta a sciogliere le inibizioni. Perciò. Includiamo azioni tipiche dell'infanzia nei club della risata, come fare suoni buffi con la lingua, gonfiare e sgonfiare le guance, proprio come fanno i bambini,  e parlare Gibberish. Ricordiamo sempre ai nostri partecipanti l'importanza di comportarsi come i bambini.

Puoi formare il tuo corpo e la tua mente a ridere

Sapevi che possiamo davvero imparare a ridere? Il corpo e la mente possono essere addestrati a ridere a piacere. E' come imparare ad andare in bicicletta. Si tratta di memoria muscolare: una volta imparato, non si dimentica più. La ripetizione è la madre di ogni capacità. Ripetendo qualunque comportamento del corpo per un periodo di tempo, la mente comincia a generare una risposta prevedibile. Il corpo impara a produrre una reazione  (come il movimento involontario del ginocchio) senza coinvolgere la mente razionale o il processo del pensiero. Questo è chiamato “condizionamento”.

Come esempio classico di condizionamento, ricordiamo quello del famoso medico russo, Pavlov, che condusse un esperimento con i cani. Ogni volta che dava loro del cibo, suonava una campanella. Dopo diversi giorni, durante i quali aveva ripetuto lo stesso processo, smise di alimentare i cani e si limitò a suonare la campanella. Riscontrò che il solo suono della campana, anche in assenza di cibo, causava la salivazione e la produzione di succo gastrico negli animali. Il corpo del cane aveva creato una associazione tra il suono, esperienza fisica sensoriale, e il cibo.

Analogamente, anche il cervello umano può essere condizionato. Con l'esercizio ripetitivo, il corpo incomincia a reagire di riflesso prima che la parte consapevole del cervello razionalizzi e pensi. Nella nostra vita siamo condizionati sia positivamente che negativamente.

Con il tempo, i membri dei Club della Risata si condizionano a essere gioiosi attraverso la pratica costante di questa disciplina. Battere le mani ritmicamente, cantare “ho ho ha ha” tutti insieme, usare affermazioni positive come “molto bene, molto bene, yay!” sono alcuni esempi di manifestazioni di gioia che si praticano regolarmente nei Club.

Con lo Yoga della Risata, il cervello sviluppa nuove connessioni neuronali che producono la chimica della felicità nel corpo. Queste reazioni possono essere stimolate semplicemente dagli esercizi di risate e da alcune azioni fisiche, che portano la mente a sperimentare la gioia incondizionata.

  • Hits: 371
Bookmark and Share